Tasse e contributi

In questa sezione troverai tutte le indicazioni per il pagamento delle tasse universitarie, sia che tu ti stia iscrivendo al primo anno (immatricolazione), sia che tu ti stia iscrivendo al secondo anno o ai successivi.

Per essere inserito nella giusta fascia di contribuzione è importante che prima dell'iscrizione tu richieda l’attestazione  ISEE per il diritto allo studio universitario anno 2018 (riferita ai redditi 2016).

La tasse universitarie sono suddivise in tre rate: la prima si paga al momento dell’immatricolazione o iscrizione; la seconda si paga entro il 30 novembre 2018 e la terza rata entro il 30 aprile 2019.

L’importo della prima rata è di 156 euro, comprensiva della Tassa regionale per i diritto allo studio - E.Di.S.U., dell'imposta di bollo. La seconda e la terza rata possono variare, oltre che in relazione al Dipartimento e al regime di studio scelti, anche in relazione alla situazione patrimoniale ed economica del nucleo familiare dello studente. In base a quanto risulta dall'attestazione  ISEE per il diritto allo studio universitario anno 2018.

Se vuoi farti un'idea dell'ammontare delle rate puoi utilizzare il nostro Simulatore

Per chiedere l’inserimento nelle fasce a contribuzione ridotta devi:

1. essere in possesso al momento dell'iscrizione dell’attestazione ISEE per le prestazioni relative al diritto allo studio universitario per l’anno 2018. Per ottenerla puoi rivolgerti direttamente all’INPS in modalità telematica o richiederla tramite i Centri di Assistenza Fiscale (CAF);  ricordati  di autorizzare l'Università a scaricare i tuoi dati direttamente dall'INPS.

2. compilare la richiesta di l’inserimento nelle fasce a contribuzione ridotta on line sul portale degli STUDENTI, seguendo queste semplici istruzioni. In caso di variazione o rettifica dell’attestazione ISEE in corso d’anno ma dopo la richiesta dei benefici, devi contattare la Segreteria Studenti.

Se sei uno studente non-UE o UE con nucleo familiare che non produce reddito in Italia (o non totalmente in Italia), e intendi beneficiare dell’inserimento nelle fasce di reddito, devi recarti presso un CAF per il rilascio dell’ISEE Parificato e farti rilasciare un indicatore sostitutivo dell’ISEE, definito ISEE Parificato. In questo caso non devi compilare la richiesta di l’inserimento nelle  fasce a contribuzione  ridotta on line ma consegnare l’ISEE parificato in Segreteria Studenti.

Sarà accettato solo I’ISEE privo della dicitura “omissioni/difformità”: questa nota appare automaticamente nell’attestato se vi sono state irregolarità nella dichiarazione del patrimonio mobiliare del nucleo. Coloro che avessero ottenuto l’ISEE con tale dicitura dovranno rivolgersi al soggetto che ha predisposto il calcolo per le opportune correzioni (CAF, commercialista, etc..). 

Quest’anno sono cambiate le regole, per saperne di più, consulta il Manifesto della Contribuzione studentesca.

Ricordati di rispettare le scadenze: la richiesta di inserimento nelle fasce di contribuzione ridotta deve essere compilata on-line, dopo aver ottenuto il rilascio dell'attestazione ISEE, al momento dell’immatricolazione o dell’iscrizione (termine ultimo il 31/10/2018).

Nel menu di sinistra trovi tutti i bottoni che ti porteranno alle pagine contenenti le informazioni su:

  • importi e modalità di pagamento della prima rata;
  • scadenze e fasce di contribuzione della seconda e terza rata;
  • la possibilità di pagare a rate la terza rata;
  • la possibilità di ottenere rimborsi ed esoneri;
  • casi particolari in cui ti potresti trovare (magari hai interrotto o sospeso gli studi, ti devi iscrivere oltre le scadenze e così via).